IN VINO VERITAS – DANIELE SEPE

InVinoVeritas_Daniele Sepe

InVinoVeritas_Daniele Sepe

Ascolta un assaggio

Recensione 1

Recensione 2

Daniele Sepe

Vite perdite

Napolitana. ascolta con Spotify

da un movimento della Suite Nr. 1 per orchestra,la Napolitana di Strawinsky

Su, su, su,
su, su, su…
jìamme, jìamme, ‘ngoppe jìamme jià,
jìamme, jìamme, ‘ngoppe jìamme jià…
Jìamme jìamme, ‘ngoppe ‘o muntone saglimme,
arrivamme ‘a cimma, ‘ngoppe jìamme jià,
jìamme jìamme, ‘ngoppe ‘o muntone saglimme,
arrivamme ‘a cimma, ‘ngoppe jìamme jià…
E’ ‘na sagliuta e se sciulia, è ‘na sagliuta,
quante ne site pe’ fa’ ‘na sagliuta, ma quante ne site,
a fa’ ‘na sagliuta pe’ fa’ ‘na caruta,
quante ne site pe’ fa’ ‘na sagliuta, jìate jià…

Jìamme ‘ngoppe, jìamme jià,
jìamme llà ‘ngoppe che ccà ‘nze po’ ‘stà,
Jìamme ‘ngoppe, jìamme jià,
jìamme llà ‘ngoppe ccà ‘nze po’ campà…

E’ ‘na sagliuta, se fa’ chiàta,
‘na scalata senza scalinate,
cchiù se fatica cchiù è ‘na faticata,
culat’ ‘e surore pare ‘na cascata,
jìate jìate state aparati, una sagliuta meliune ‘e carute,
vaje pe saglì, è ‘na parola,
scinne do capo facenne ‘e ccapriole,
vola ‘ngoppe jìamme jià,
a ‘stà acc’ abbasce ‘nze po’ sbarià,
‘nze po’ magnià e nemmanco campà,
‘ngoppe te sanno arrubbà, abbabbià,
che te vuò abbià, arò te vuò abbià,
che te vuò aspettà ‘a chi te vò spià,
ruciulià, ruciulià, ruciulià,
che piere ‘ncapa t’anna scamazzà…

Jìamme ‘ngoppe, jìamme jià,
jìamme llà ‘ngoppe che ccà ‘nze po’ ‘stà,
Jìamme ‘ngoppe, jìamme jià,
jìamme llà ‘ngoppe ccà ‘nze po’ campà…

Spalla a spalla, votta chi votta,
chi arriva primme nu’ vò ‘stà sotto,
‘ngoppe ‘o muntone llà ‘mponte ‘a cimma,
se mena ll’uocchio ma è comme ‘o maluocchio,
ruciulea comme ‘na valanga,
lampa ‘e fuoco che coce ‘a chianca,
scunfinato è ‘stù chirchio a valle,
e ‘ncimma nu punto addò sulo uno abballa,
‘a sotto se scommano ‘e sanghe a meliune,
‘ngoppe chill’uno nu’ vvò nisciuno,
ne tene pecune, ne tene triliune,
‘stà cu’ e pecurune, ve lascia riune,
‘e ccorna longhe sott’ ‘o cilindro,
vuje state fore e ve mena ainte,
s’allanza, perdite speranza,
fino fino, è fina fina ‘a finanza…

Jìamme jìamme, ‘ngoppe ‘o muntone saglimme,
arrivamme ‘a cimma, ‘ngoppe jìamme jià,
jìamme jìamme, ‘ngoppe ‘o muntone saglimme,
arrivamme ‘a cimma, ‘ngoppe jìamme jià…

jìamme, jìamme, ‘ngoppe jìamme jià…

Trad:
Su, su , su,
su, su , su,
andiamo, andiamo, sopra andiamo,
andiamo andiamo, sulla montagna saliamo
(ma muntone si intende anche un mucchio di persone l’una sull’altra)
arriviamo in cima, sopra andiamo, presto…
E’ una salita e si scivola, è una salita,
quanti ne siete per fare una salita, ma quanti ne siete,
a fare una salita per rotolare giù,
quanti ne siete per fare questa salita, andate avviatevi…

Andiamo sopra, andiamo in fretta,
andiamo la sopra che qua stiamo stretti,
andiamo sopra, andiamo in fretta,
andiamo li sopra perché qua non si può vivere…

E’ una salita, si fa più ripida,
una scala senza scalini,
più saliamo e più diventa dura,
colate di sudore che sembra una cascata,
andante andante ma state attenti, uno che sale milioni che cadono,
cominci a salire, è una parola….
cadi e ricominci facendo capriole,
vola sopra, saliamo in fretta,
a stare qua giù non c’è da divertirsi,
non si può mangiare e nemmeno campare,
sopra ti sanno derubare, ingannare,
ma dove ti avvii, dove vuoi andare,
che ti puoi aspettare da chi ti sta spiando,
rotola rotola rotla
coi piedi in testa ti devono calpestare.

Andiamo sopra, andiamo in fretta,
andiamo la sopra che qua stiamo stretti,
andiamo sopra, andiamo in fretta,
andiamo li sopra perché qua non si può vivere…

Spalla a spalla, spingi a chi spinge,
chi per primo arriva in cima non vuole ritornare sotto
sopra la montagna, sulla punta della vetta,
ti guarda l’occhio ma è come un malocchio
che rotola a valle come una valanga,
lampi di fuoco che incendiano la pianura,
sconfinato è questo cerchio a valle.
e in cima un punto dove solo uno balla,
e sotto si scannano, è il sangue di milioni,
in cima quell’uno non vuole a nessuno,
ne tiene furbizia, ne tiene soldi a carrette,
sta con i diavoli, vi lascia a digiuno,
le corna lunghe sotto il cilindro,
voi salite e lui vi ributta giù,
lo sa fare bene, perdete speranze,
luí è fino fino, e fina fina è la finanza.

Andiamo andiamo, sopra la montagna saliamo,
arriviamo in cima, sopra saliamo in fretta,
Andiamo andiamo, sopra la montagna saliamo,
arriviamo in cima, sopra saliamo in fretta…

Nota 1
“ Tanti provano a scalarla (Vesuvio), ma per la forma conica della montagna, il numero di chi sgomita, di chi spinge nel salire, si riduce drasticamente a vantaggio del singolo che raggiunge la vetta.
Quell’unico occhio che scruta, è come l’occhio onniveggente sul dollaro americano che nel guardare in basso, manda influssi contagiosi, negativi, che rotolano giù come una valanga, come magma in un’eruzione”.

Paolo Romano Shaone voce
Floriana Cangiano, Roberta Andalò voce
Daniele Sepe, Cristian Vollaro voce
Franco Giacoia chitarra elettrica
Davide Costagliola basso elettrico
Daniele Sepe tastiere e programmazione

Battuglie di Pastellessa (Bottari di Macerata Campania) registrati alla Festa di Sant’Antonio 2013 a Macerata Campania (CE)

 

Leave a Comment

Filed under musica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *